Emozioni

Codipendenza: quando prendersi cura della vita dell'altro può portare alla malattia

04/02/2020 alle 12h

Che cos'è la codipendenza? 

Secondo Codependentes Anonymous (Coda), codipendenza è un termine di salute usato per riferirsi a persone fortemente legate emotivamente a qualcuno con grave dipendenza fisica e/o psicologica da una sostanza, come alcol o droghe illecite, o con comportamento problematico e distruttivo, come il gioco d'azzardo patologico o il disturbo di personalità.

In origine, questa parola era usata per descrivere le persone che erano imparentate con i tossicodipendenti. Questo concetto è ancora in costruzione e, nel tempo, è stato notato che il comportamento codipendente è presente in una sfera molto più ampia di quanto si pensasse in precedenza.

In generale, per le persone con comportamento codipendente, il ruolo del salvatore è molto familiare, poiché molti hanno vissuto, durante l'infanzia, in case disfunzionali, imparando fin da piccoli a prendersi cura invece di essere curati. Hanno difficoltà a relazionarsi e creare legami, hanno una bassa autostima e scarso senso di dignità.

Hanno molte difficoltà a prendersi cura della propria vita, a prendersi cura di se stessi e a gestire le proprie emozioni. Come strategie di difesa, per sfuggire al terrore di entrare in contatto con il grande dolore che provano, finiscono per posizionarsi come caregiver, ritirandosi dalle proprie vite per rendere conto delle vite degli altri. In questo modo trovano la sicurezza di un luogo conosciuto e abitato fin  dall'infanzia. È come se, ogni volta che entrano in una relazione, ottengono un lavoro a tempo pieno: controllare e prendersi cura della vita dell'altro.

In generale, i codipendenti vivono in condizioni di forte stress e adottano un comportamento vigile a tempo pieno.

Si sentono responsabili anche del destino dell'altra persona, il che porta loro grandi dosi di sofferenza, inclusa la malattia fisica ed emotiva.

È come se, nella codipendenza, ci fosse un contratto silenzioso tra i due partner, in cui il codipendente dona di più e si impegna a prendersi cura, comprendere, aiutare e soprattutto a controllare i percorsi che l'altro deve seguire. In cambio, richiede al partner di restituire obbedienza e gratitudine. Tuttavia, quando ciò non accade, si apre un grande portale, pieno di rabbia, risentimento e vittimizzazione, quando si sente abu*ato, impotente, dispiaciuto e trascurato.

Continua a leggere...

La responsabilità della sofferenza del codipendente dipende sempre dall'altro. Gli altri lo fanno impazzire, lo fanno ammalare, lo stressano e, pur mantenendo tutte le responsabilità nell'altro, rimane in un posto infantile e privo di potere, il che rende difficile entrare in contatto con l'autoconsapevolezza che lo porterebbe all'uscita di questa dinamica relazionale distruttiva.

In generale, i codipendenti sabotano le relazioni in cui possono essere esaminate, convalidate, curate e in cui possono esistere scambi salutari, presentando difficoltà nel mettersi in una buona posizione nelle relazioni. In molti casi, scelgono di allearsi con persone emotivamente instabili e rimangono nel luogo familiare del dare più del ricevere.

La codipendenza continua a essere studiata e ricercata, ma è un fatto che non passa inosservato. Può portare grandi sofferenze alle persone coinvolte e, per essere curato, ha come primi passi l'identificazione e la consapevolezza che esiste un problema e, in seguito, la ricerca di aiuto professionale e gruppi di supporto è qualcosa che può anche aiutare nel recupero.

Se ti riconosci in questo testo, chiedi aiuto e abbi cura di te, devi credere che è possibile vivere e amare in modo più sano.

Lascia un mi piace e condividi l'articolo con i tuoi amici!

CERCA
CONSIGLIATI