Animali

Combattere per gli animali non significa sminuire le persone

25/03/2020 alle 10h

È perfettamente possibile combattere per la causa animale e anche per la causa umana: una lotta non esclude l'altra, ma si completano a vicenda.

Ogni amore è veglia, perché ci prendiamo cura di ciò che è nella nostra vita, cercando di proteggerlo e farlo durare. E con ciò, il nostro amore si diffonde e siamo in grado di estendere i nostri sentimenti anche a coloro che non vivono con noi.

Il vero amore fa questo: diventiamo più empatici e riusciamo a guardare il mondo oltre il nostro ombelico. Coloro che hanno figli, per esempio, sono in grado di mettersi al posto dell'altro con meno giudizio. Chi ha animali è lo stesso in relazione a loro.

Ciò che mi sorprende, in questo contesto, sono confronti e analogie, con un contenuto di rivolta e disprezzo, in cui i protettori degli animali vengono interrogati, come se si dimenticassero delle cause umane, come se dovessero preoccuparsi della vita delle persone, invece di prendersi cura degli animali.

Questa è una mancanza di rispetto per il lavoro dell'altro, una mancanza di empatia e un minimo di ragionevolezza. Chi ha detto che i protettori degli animali disprezzano o ignorano i dolori dell'umanità?

Continua a leggere...

Perché piacere agli animali implicherebbe antipatia per le persone? Il loro lavoro è bello e necessario come quello umanitario. Non posso confrontare in questo modo.

Coloro che hanno compassione per gli animali certamente simpatizzano con gli esseri umani, perché hanno l'amore traboccante dentro di sé.

Tuttavia, è improbabile che chiunque ignori gli animali sia in grado di mostrare solidarietà con qualsiasi essere umano, poiché non vede il dolore di nessuno, non vede altro che se stesso. Amo gli animali e amo le persone. Tutto è vita, tutto è divino e deve essere rispettato. 

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Loading...
CERCA
CONSIGLIATI