Emozioni

La violenza verbale lascia segni indelebili nell'anima

09/05/2020 alle 12h

Hai mai sentito parlare di violenza verbale? È uno dei tipi di violenza che di solito precedono la pratica della violenza psicologica e, successivamente, fisica.

Di solito è più praticato, secondo la ricerca, dagli uomini in relazione alle donne.

È la violenza esplicita in commenti, confronti e detti che diminuisce l'altra persona, facendola sentire piccola e più facilmente manipolabile.

La violenza verbale è un comportamento aggressivo e comune in molte relazioni e lascia segni negativi, che influenzano le relazioni, l'autostima e la fiducia in se stessi della persona che subisce questa aggressività senza, molte volte, rendersi conto di soffrire.

C'è un modello di azione da parte di persone che attaccano verbalmente gli altri: l'aggressore cerca spazio attraverso la seduzione e quindi agisce in modo aggressivo alla ricerca del controllo dell'altro.

Inoltre, vale la pena notare che la violenza verbale può verificarsi in diversi tipi di relazioni, può accadere in un matrimonio, in relazioni di lavoro, tra amici, ecc.

Il grosso problema con questo tipo di violenza è che è spesso subdolo, ma non sempre. Ad esempio, ho iniziato a percepire questo tipo di violenza in questa relazione che ho vissuto durante un periodo delicato e mutevole della mia vita, ma ovviamente era iniziato prima.

Tuttavia, poiché inizia in modo mascherato, non è sempre facile comprendere l'entità del danno. Nel mio caso, è successo anche via e - mail e WhatsApp, con commenti aggressivi relativi al mio aspetto, professione, reddito, amicizie, ecc.

Sfortunatamente, la violenza verbale è solo una punta dei problemi di una persona con una mente totalmente turbata. Era in un processo di coaching che mi resi conto di ciò che stavo vivendo, e fu lì che trovai la forza di dire addio a quella relazione, che, tra l'altro, era una delle migliori scelte della mia vita!

Più tardi, ho compreso di più su come le persone si sviluppano psicologicamente e se sono o meno mentalmente sani, mi sono reso conto che il fatto che mi rendevo conto che questa relazione non era per me e che l'avevo lasciata rappresentava la mia salute mentale preservata.

Continua a leggere...

Vale la pena ricordare che, secondo le Nazioni Unite, la violenza verbale e la violenza psicologica sono le più comuni nelle relazioni e, molte volte, precedono il femm*nicidio.

E, sfortunatamente, la crescita della violenza contro le donne in questi tempi di confino sociale è aumentata molto, evidenziando i profili delle persone che hanno bisogno di aiuto, poiché sono dannose per i loro partner e, se ci sono bambini coinvolti, le loro azioni e le parole si riversano nella vita di tutti coloro che vivono con persone con questo profilo.

Vale anche la pena ricordare che la violenza verbale è un tipo di abuso che può avere un recupero molto lungo da parte di coloro che ne soffrono per un lungo periodo di tempo. E questo è un altro fatto che sottolinea che dobbiamo parlare costantemente di questo argomento.

Si potrebbe pensare che ci siano alternative per coloro che vogliono provare a salvare una relazione con una persona che pratica questo tipo di violenza. Puoi cercare un aiuto specializzato, provare la terapia di coppia, individuale, puoi cercare un processo di coaching.

Tuttavia, vale la pena notare che non possiamo cambiare l'altro. Le persone cambiano solo se vogliono cambiare. Siamo responsabili solo dei nostri cambiamenti! Inoltre, le persone che praticano la violenza verbale non hanno bisogno di un processo che mira solo a cambiare questo comportamento, certamente hanno lacune molto più profonde, che richiedono un trattamento psicologico e, spesso, psichiatrico.

Se ti trovi in una situazione come questa, devi imparare a dire "sì" a te stesso, dicendo "no" a una relazione che può solo fare del male e lasciare segni che sono difficili da rimuovere dalla tua vita.

Lascia un mi piace e condividi l'articolo con i tuoi amici!

CERCA
CONSIGLIATI