Emozioni

Manipolazione emotiva: quando l'altra persona fa di tutto per farti sentire in colpa

09/01/2020 alle 20h

Questa è una delle situazioni più stressanti che una persona può affrontare perché provoca ferite all'anima, ferite che possono influenzare tutta la vita.

La manipolazione emotiva si basa su abusi verbali, la critica di autostima, comportamenti passivi-aggressivi e isolamento, e può essere praticato da chiunque intorno a noi. In realtà, di solito viene da quelli da cui meno cie lo aspettiamo.

Sfortunatamente, in certi contesti questa realtà sarà sempre presente, perché non possiamo scegliere ogni persona con cui viviamo. In questo senso, la cosa migliore da fare per noi stessi è imparare a rilevare la manipolazione emotiva.

Imparare a capire la manipolazione emotiva

Potremmo credere di essere liberi da questa maledizione, perché proviene chiaramente da persone che fin dall'inizio si rivelano dannose per noi. Ma non è così che funzionano le cose.

La manipolazione può venire dai nostri genitori, amici, colleghi o solo conoscenti e spesso indossa una fantasia di gentilezza. Può anche avere obiettivi diversi, dal solo rafforzare la necessità di controllo a farci del male e danneggiare la nostra autostima.

Le persone che praticano la manipolazione emotiva sono spesso insicure e infelici, vogliono manipolare gli altri per sentire di avere il controllo su qualcosa o qualcuno, dandogli conforto in mezzo a tutte le cose sulle quali non avranno mai potere.

Ci sono alcune affermazioni che i gestori usano molto spesso e possono aiutarci a riconoscerle.

Vedine alcune:

"Fai quello che vuoi":

Questa è una fase classica. Il manipolatore fa minacce bianche ai manipolati, offre il falso senso della scelta mentre chiarisce che le cose cambieranno se la sua volontà non viene adempiuta. Con ciò, suscita paura nel manipolato, che alla fine si arrende e rinuncia al suo obiettivo iniziale.

Continua a leggere...

"Non mi sta succedendo niente":

Il loro comportamento cambia improvvisamente e quando l'altra persona chiede cosa sta succedendo, dicono che va tutto bene. Dopodiché, sorge un lungo silenzio fino a quando l'altra parte cerca di indovinare cosa hanno fatto di sbagliato, anche se non hanno fatto nulla e si scusa. Questa è una tecnica di manipolazione molto comune intesa a far sentire l'altro colpevole.

"Dopo tutto quello che ho fatto per te":

Questo è uno dei modi più efficaci per suscitare colpa nell'altra persona e farla scusare per le cose che non ha nemmeno fatto.

Il manipolatore desidera ricordare tutte le cose che ha fatto per i manipolati in modo da poter controllare i suoi atteggiamenti e ricevere il rinforzo di cui ha bisogno nell'ego. Fa le cose per gli altri solo per essere in grado di raccoglierli e a tassi di interesse molto elevati.

"Non sono niente senza di te":

La vittimizzazione è anche uno dei comportamenti classici di queste persone. Il manipolato può temere che il manipolatore farà qualcosa di dannoso per se stesso dopo aver sentito una tale frase, quindi rimane al suo fianco, anche se non vuole, per garantire il suo benessere.

Questi sono alcuni degli esempi più comuni di manipolatori emotivi. Incontreremo sempre queste persone, ma ciò non significa che dovremmo accettare il loro comportamento o permettere loro di farci del male.

Stabilisci confini salutari con chiunque e prenditi cura della tua salute emotiva. Non dare a nessuno il potere di controllare come ti senti. Mettiti al primo posto e allontanati da coloro che hanno bisogno di vederti male per stare bene.

Lontano da ogni manipolazione, sarai molto più felice.

Lascia un mi piace e condividi l'articolo con i tuoi amici!

Loading...
CERCA
CONSIGLIATI