Emozioni

Molte frasi come: "Ma ancora non hai figli?", possono ferire una donna più di quanto pensi

30/12/2019 alle 12h

Nadira Angel, una professionista della salute mentale che lavora con donne incinte e neomamme, ha incontrato molte persone che non capiscono quanto siano personali e private la decisione e la possibilità di dare alla luce un bambino. Ma la maggior parte delle persone non ci pensa quando fa domande su questi argomenti. Per illustrare il danno causato da commenti non necessari, Nadira ha scritto un testo incredibilmente franco e delicato chiamato "Guarda la tua pancia". Il testo emotivo descrive la vita di tre donne, dimostrando che c'è sempre qualcosa di più di quello che vedi in superficie.

Da qualche parte c'è una donna che non ha figli all'età di 30 anni:

La gente le chiede: "Non hai ancora figli?" La sua risposta varia di giorno in giorno, ma di solito comporta sorrisi forzati e moderazione. "No, non ancora", dice, nascondendo la sua frustrazione. “Beh, non aspettare troppo a lungo. L'orologio ticchetta, sai", disse il saggio prima di andarsene, felice di se stesso per aver dato tanta saggezza. Se ne va, la donna di fronte a lui mantiene il sorriso, poi piange quando è sola.

Piange perché ha avuto 4 aborti. Piange perché ha iniziato a provare ad avere un bambino la prima notte di nozze, che è stata 5 anni fa. Piange perché suo marito ha figli dalla sua ex moglie. Piange perché vuole disperatamente provare in vitro, ma non può più permetterselo. Piange perché ha fatto molte volte in vitro, ma non ha ancora figli. Piange perché la sua migliore amica non vorrebbe essere una madre surrogata. Piange perché le sue medicine impediscono la gravidanza.

Piange perché suo marito si incolpa e quella colpa la rende una persona difficile con cui convivere. Piange perché tutte le sue sorelle hanno figli e una di loro non voleva figli. Piange perché la sua migliore amica è incinta. Piange perché sua madre chiede costantemente: "Figlia, cosa stai aspettando?" Piange perché sua suocera e suo suocero vogliono diventare nonni. Piange perché il suo vicino ha due gemelli e li tratta in modo orribile. Piange perché i sedicenni rimangono incinti senza volerlo. Piange perché è una zia incredibile. Piange perché ha già scelto i nomi e perché ha una stanza vuota in casa sua. Piange perché ha uno spazio vuoto nel suo corpo e perché ha così tanto da offrire. Sta piangendo perché potrebbe essere una grande madre, ma non lo è.

Altrove c'è una donna che, a 34 anni, ha 5 figli:

La gente dice: "5? Spero che tu abbia finito! ”Questi commenti sono divertenti per le persone. Anche la donna ride, ma cambia argomento, come sempre. Quando è sola, piange. Piange perché è incinta di un altro bambino e si sente come se dovesse nascondere la sua gioia. Piange perché ha sempre desiderato una grande famiglia e non capisce perché la gente sia arrabbiata per questo. Piange perché non ha fratelli e si sentiva sola da bambina. Sta piangendo perché sua nonna ha avuto 12 figli e vorrebbe essere come lei.

Piange perché non riesce a immaginare la vita senza i suoi figli, ma le persone la trattano come se fosse una punizione. Piange perché non vuole avere pietà. Piange perché lei e suo marito sono in grado di sostenere la loro famiglia, ma non importa. Piange perché gli altri la trovano irresponsabile. Piange perché è stanca dei commenti "divertenti". Piange perché a volte dubita di se stessa e si chiede se dovrebbe avere solo 2 figli. Piange perché le persone sono maleducate e perché tutto ciò che vuole è vivere in pace.

Continua a leggere...

Altrove invece c'è donna di 40 anni ha un solo figlio:

La gente dice "Solo uno? Non ne vuoi un altro? " "No sono contenta così", dice con calma, una risposta che dà più volte di quante ne possa contare. Ma nessuno penserebbe che quando è sola piange. Piange perché la sua gravidanza è stata un miracolo. Piange perché suo figlio sta ancora cercando un fratello o una sorella. Piangere perché voleva avere almeno 3 figli. Piange perché la sua seconda gravidanza ha dovuto essere interrotta per salvarle la vita. Piange perché il suo dottore dice che è un grosso rischio. Piange perché sta lottando per prendersi cura di suo figlio.

Piange perché suo marito è m*rto e non ha trovato un altro amore. Piange perché la sua famiglia pensa che un bambino sia abbastanza. Piange perché è profondamente coinvolta nella sua carriera e non può allontanarsi. Piange perché la sua depressione postpartum era intensa. Piange perché ha dovuto fare un'isterectomia e perché vuole più figli, ma non può.

Queste donne sono ovunque. Sono le nostre vicine, amiche, sorelle, collaboratrici, cugine. Non beneficiano dei nostri consigli o opinioni. Queste donne decidono cosa fare del loro grembo. Rispettiamolo.

Alla domanda su quale sia la migliore risposta che una donna può dare a queste domande, Nadira risponde che dipende dallo scontro. Pensa che la donna possa essere semplice e dire che è una domanda scortese e inappropriata, ma non tutti si sentono a proprio agio nel dirlo, specialmente ai familiari più anziani. In tal caso, potrebbe essere meglio dire il meno possibile. Se qualcuno dovesse chiedere alla donna quando avrà un bambino, potrebbe rispondere "Quando arriverà il momento" e cambiare argomento. Ma non sentirti mai obbligata a condividere informazioni private.

Cosa ne pensi? Lascia un mi piace e condividi l'articolo con i tuoi amici!

CERCA
CONSIGLIATI